?

Log in

Previous Entry | Next Entry

Niente di nuovo sotto il sole, tranne che non faccio altro che lavorare lavorare lavorare
MA PENSIAMO A COSE PIU' FELICI!
Nei commenti i miei fill per questo event organizzato da Torre di Carta, WOOOO /o/

Comments

( 3 comments — Leave a comment )
kuruccha
Jul. 2nd, 2016 11:37 am (UTC)
Fandom: Ranma 1/2
Personaggi/Pairing: Ranma/Akane ma proprio senza pudore alcuno
Rating: Verde
Wordcount: 488
Prompt: Prima notte di nozze (prompt vari)
Note: Non avevo mai mosso questi due prima d'ora, sarà piena di orrori, perdonatemi. Ovviamente i miei feels sono colpa della Mana.



Se l’era immaginata diversamente.
In realtà non è che gli dispiaccia la piega che hanno preso le cose; anzi, ben lungi da lui l’idea di lasciar trasparire anche il più piccolo dubbio, soprattutto davanti a lei. È solo che se l’aspettava diversa.
Con più gente, forse; ecco, forse il punto è proprio quello, e tanto basterebbe a dargli un indizio sulla singolarità dell’intera situazione, perché non è normale che un uomo rimanga stupito dal fatto che non ci siano abbastanza persone nella sua camera da letto durante la sua prima notte di nozze.
(Non che ci tenesse ad avere più persone. È solo che gli sembra quasi strano che non ci siano, ecco.)
E certamente non gli dispiace nemmeno la pressione delle cosce di Akane contro i fianchi, perché se è pur vero che è un’altra di quelle cose che oramai rientrano quasi nel campo dell’abitudine – allenamenti, prese mortali, niente di nuovo sotto il sole – è altrettanto vero che abitualmente quel contatto non avviene mentre sono nudi. O, perlomeno, non mentre sono così nudi.
(Non che sia la prima volta, a dire il vero.)
E nota solo in quel momento l’assenza di P-chan e così, quasi per caso, si chiede dove sia Ryoga, cosa gli sia successo dopo essere precipitato nella torta nuziale e -
«Me l’ero immaginata un po’ diversa» mormora Akane, interrompendo il filo dei suoi pensieri, «Con te meno distratto, per esempio.»
Si rende conto del proprio errore quando è già troppo tardi. Lo sguardo di Akane promette vendetta, e le sue gambe lo premono contro il futon in un modo fin troppo familiare.
Gli dispiace vederla così, perché quella non è certo l’espressione adatta ad una prima notte di nozze – e, tra tutte le cattive abitudini che non è mai riuscito a correggere, d’improvviso quella gli pare la più imperdonabile; tra tutte le cose che fa sempre, quella è l’unica che avrebbe voluto immaginarsi diversamente. Non farla arrabbiare, almeno per una volta. Gli era sembrato un così buon proposito.
«Io non…» comincia. «Scusa,» aggiunge subito, anche se non è una parola che dice a cuor leggero. «È che siamo da soli. Davvero da soli. Non è che stessi pensando ad altro. È che mi chiedevo quanto sarebbe durato.»
Akane avvampa, come se si fosse resa conto solo in quel momento dello stato dei fatti – ecco, quell’espressione non se l’era immaginata proprio in nessun’altra maniera, invece – e la pressione delle sue cosce si fa più lieve, i suoi muscoli meno tesi. È concentrata, ora, come se avesse l’orecchio teso per cogliere qualsiasi suono proveniente dall’esterno.
«Sai» mormora, avvicinando il viso a quello di Ranma per guardarlo negli occhi, «Io dico che dovremmo approfittarne finché dura.»
Le sorride, e il suo rossore sembra contagiarlo quando le bacia le labbra attirandola a sé. Attorno a loro continua ad esserci solamente il silenzio e no, si dice, proprio non mi dispiace per niente.
manaspooky
Jul. 2nd, 2016 07:08 pm (UTC)
*CULPRIT AND PROUD TO BE* (?)
kuruccha
Jul. 3rd, 2016 11:31 am (UTC)
Fandom: Un marzo da leoni (Sangatsu no Lion)
Personaggi: Rei, Hinata
Rating: Verde
Wordcount: 368
Prompt: “A forza di riflettere, si finisce per arrivare a una conclusione. A forza di giungere a una conclusione, succede che si prende una decisione. E una volta presa la decisione, succede che si agisce per davvero.” [Abbaiare stanca, Daniel Pennac]
Note: Piango fortissimo. Sul serio.



Rei è addestrato ai cambiamenti improvvisi, alle lunghe attese, ad osservare la propria vita evolversi nelle ottantuno caselle della scacchiera; è preparato a prendere decisioni e a sobbarcarsene il peso fino alla fine del gioco. Non teme la minaccia dei Generali Argento, perché ha imparato fin dal principio che ogni pezzo può essere mangiato anche dal più umile dei pedoni. Tutto è più facile quando lo spazio attorno a lui è diviso in quadrati, quando può ridurre la propria esistenza in venti pezzi e portarli alla vittoria. Sacrificarne qualcuno per il bene degli altri.
Sa bene che il gioco può procedere solo in un senso; sa che possono esserci ritirate strategiche, e che perfino il Generale Oro può indietreggiare quando la situazione lo richiede, ma che ogni mossa tende – e deve tendere – solo in avanti, verso la conclusione.
Nessuno gli ha mai insegnato che c’è anche un’altra via.
Lo scopre in un giorno come nessun altro, sulla riva di un fiume, in compagnia di una persona come lui, una ragazza col volto nascosto dalla montatura pesante dei suoi occhiali. Qualcosa scatta nella sua mente e per la prima volta Rei si ritrova a pensare che vorrebbe che quell’attimo durasse per sempre; vorrebbe che il tempo si fermasse, e si rende conto che quella stasi, quello stallo, non hanno nessun corrispettivo negli incroci delle righe perpendicolari sulla scacchiera, perché quella non è una resa, e non è neppure un abbandono. Assomiglia piuttosto alla volontà – alla necessità – di avere qualcuno con cui imparare, ancor prima che la partita cominci.
Non può fare a meno di chiedersi se anche Hinata stia vivendo quella stessa rivelazione; nel suo sguardo perso lontano, sull’altra riva del fiume, non riesce a leggere nessun indizio. Nel suo sorriso, però, ritrova lo stesso sollievo di chi riscopre l’utilità di un pedone in area nemica, ed è così che tutto torna al suo posto, e Rei trova una risposta. Baratta con Hinata uno dei propri pezzi. Decide che sarà per lei quel pedone in area nemica.
Non sa cosa farà dell’elemento di scambio, di quella piccola e preziosa tessera di Hinata. Per ora ha come unica certezza la sola volontà di tenerla al sicuro.
( 3 comments — Leave a comment )

Profile

[Honey&Clover] Yamada Sunny
kuruccha
kuruccha

This Month

December 2016
S M T W T F S
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Powered by LiveJournal.com
Designed by Taichi Kaminogoya