?

Log in

Previous Entry | Next Entry

Event: Can you feel the otp tonight?

Di seguito nei commenti (e qui poco più sotto per praticità) i fill scritti il 13-14 febbraio durante l'evento "Can you feel the OTP tonight?" organizzato dalla community facebook We are out for prompt.
Dato che era un evento di San Valentino, l'unica limitazione era che i fill fossero fluff oppure UST. Niente angst, insomma. Per una volta sono riuscita a scrivere di gente felice :D :D :D

Comments

( 10 comments — Leave a comment )
kuruccha
Feb. 21st, 2016 10:21 am (UTC)
Prompt: Anastasia, Anya/Dimitri, guanti
Wordcount: 272




«Quello che sto tentando di dire, cara la mia granduchessa» borbotta Dimitri, e non trattiene un sorriso nel vederla arricciare il naso per via del nomignolo, «È che nessuna ragazza per bene se ne andrebbe mai in giro con dei guanti in queste condizioni.»
Le dita che prima le tenevano il polso scivolano sulla lana grossa che copre il palmo, correndo a stringere piano l’anulare e il mignolo. La pelle di Dimitri è calda contro le dita che sbucano dalla cima dei guanti rovinati, e ancor più calde sono le sue labbra premute sulle unghie in un baciamano tanto dolce quanto falsamente adulatorio.
«E quel che le ripeto io, caro il mio straccione» risponde Anya, ritirando la mano col mignolo perfettamente teso, lo sguardo basso a studiare chissà quale geometria della lana, «È che la sottoscritta non è mai stata una ragazza per bene.»
È Anya a sorridere sotto i baffi, ora, e Dimitri si accorge troppo tardi di ciò che il suo sguardo preannuncia; intravede il piede muoversi e allacciare una delle sue gambe, sente la mano spintonarlo all’indietro, e un secondo dopo è col sedere a terra su un mucchio di neve a bordo strada.
Pooka gli è subito addosso per leccargli la faccia e Dimitri impreca piano, battuto al suo stesso gioco; Anya ride fragorosamente, ma è ancora lì vicina, e gli tende la mano per aiutarlo. Le dita che ora spuntano dai buchi nella stoffa sono tre.
«Permette, Granduca?» gli dice, e il suo tono è quello di chi sa che l’avrà vinta.
Dimitri scrolla le spalle, e con la mano nuda bagnata di neve afferra la sua.

Edited at 2016-02-21 10:24 am (UTC)
manubibi
Feb. 21st, 2016 12:23 pm (UTC)
*STRILLA FORTISSIMO* AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH OTP PER LA VITAAAAAAAAAAAAAAAAA <333333333333333333333
kuruccha
Feb. 23rd, 2016 08:10 am (UTC)
AAAAAAAAAAAAAAAAAAH SONO FELICE CHE LA PENSIAMO UGUALE AAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHH
killuale
Feb. 21st, 2016 07:34 pm (UTC)

I miei piccoli <3 quanto li amo

kuruccha
Feb. 23rd, 2016 08:11 am (UTC)
Ohohoh, siamo in due <3 E' una di quelle OTP a cui è impossibile rinunciare XD
kuruccha
Feb. 21st, 2016 10:24 am (UTC)
Prompt: Avatar | Bolin/Jinora | Della prima volta che Bolin vide Jinora con le sue frecce
Wordcount: 229
Note: Spoiler per il finale della terza serie. Scritta per Shizue Asahi, che shippa questi due con la forza di mille soli XD



Guardandola da lontano, durante la cerimonia al tempio, rimane affascinato dalla curva dolce della sua nuca, dall’eleganza che Jinora riesce a mantenere anche con la testa rasata. Gli fa una strana impressione notare come siano femminili quei tratti che fino a poco prima gli erano sembrati solamente bambineschi.
Quando la studia da vicino scopre quanto risaltino ora le sue ciglia lunghe ogni volta che chiude piano gli occhi; rimane incantato nel leggere nella sua espressione quell’amalgama di dignità e orgoglio che prima non c’era, o che forse era solamente celato molto a fondo, portato finalmente a galla dal tatuaggio che le percorre la testa e la fronte - ed è come se quella freccia fosse uno spartiacque tra il prima e il dopo, tra la ragazza di un tempo e il Maestro del Dominio dell’Aria in cui si è trasformata.
Bolin la osserva ancora e la Jinora che conosce ritorna a far capolino nel sorriso timido che le si accende in volto ogni volta che si guardano. Ultimamente succede spesso, molto più spesso di una volta.
«Com’è?» gli chiede Jinora, guardandolo di sottecchi nell’indicare la propria testa, come temesse di sentire la sua risposta.
«Grandioso» le dice lui, e allunga la mano per accarezzarla dove il rossore è già scomparso. I loro sguardi si allacciano, e le parole di Bolin sono sincere; lo è sempre, con lei. «Assolutamente perfetto.»
kuruccha
Feb. 21st, 2016 10:28 am (UTC)
Prompt: Steins;Gate, Okabe/Kurisu. Daru convince Okabe a portare Kurisu a cena fuori per San Valentino, ma durante l'appuntamento Okabe continua a fare pasticci e dire cose inopportune. Si convince che sia stato un disastro, ma non sa che Kurisu era più agitata di lui, in realtà
Wordcount: 712
Note: Post-serie.



«Oh, no, Okarin ha appena rovesciato il calice del vino...»
Nascosto dietro il menu à la carte, Daru osserva l’espressione corrucciata di Mayuri. Il suo sguardo punta oltre la parete divisoria tra i tavoli e si posa sulla figura di Okabe, imbellettato di tutto punto, che tenta di asciugare come meglio può il lago appena nato sul suo tavolo. Sospira mentre riporta l’attenzione alla lista degli antipasti.
«Mayuri, tu hai già scelto quello che vuoi ordinare?»
Al sentire il proprio nome, l’attenzione della ragazza ritorna al libretto che tiene stretto tra le dita. Apre e chiude la bocca, come se non sapesse cosa rispondere. «Mayushii pensava di prendere solo un primo piatto.»
«Non ti preoccupare per i soldi» le dice, «Questa sera paga il mad scientist
«Nella cassa del laboratorio di gadget futuristici non ci sono molti soldi, però.»
«Sarà Okabe a pagare.»
«Nemmeno nelle tasche di Okarin ci sono molti soldi, Daru.»
«Lui ha chiesto il supporto del super hacka, e lui paga» borbotta Daru. «E poi non ha detto espressamente che dovevo venire da solo.»
L’espressione di Mayuri si distende. «Allora, se è così» dice, ma viene interrotta dall’inconfondibile suono di vetri infranti.
Daru sospira ancora. «Fammi indovinare. Kurisu ha fatto cadere la bottiglia?»
«Mmh,» bisbiglia Mayuri, e scuote la testa. «No, sempre Okarin.»
«Dimmi che non sta usando la forza di gravità come scusa.»
«Sta proprio usando la forza di gravità come scusa» conferma lei, e un gran sorriso le si accende in viso. «Come hai fatto a indovinare?»
Daru non risponde.
«Prenderò delle tartine al caviale» conclude, chiudendo il menù.
kuruccha
Feb. 21st, 2016 10:29 am (UTC)
«Oh, è andato tutto benissimo! Tutto assolutamente e meravigliosamente bene! Non che si potesse pensare il contrario, d’altronde. Neppure l’organizzazione è riuscita nel suo intento di manomettere i...»
«È stato un disastro» lo interrompe Daru, senza nemmeno staccare lo sguardo dallo schermo. «Un completo e totale disastro.»
«Bella maleducazione. È vero, Christina ha usato per primo il coltello più vicino al piatto, ma non per questo la serata...»
«Oh, certo,questo non me lo sarei mai aspettato, da una come lei.»
«Nemmeno io! E ti dirò» risponde Okabe, e poi si avvicina a Daru con fare cospiratorio. «Più di una volta ho avuto l’impressione che non fosse davvero lei quella che mi trovavo davanti.»
Lo vede pescare dalla tasca il cellulare. «Devi calcolare con urgenza una curva delle probabilità. Temo che l’organizzazione abbia sostituito Makise Kurisu con un clone.»
«Okarin» lo interrompe Mayuri, sollevando lo sguardo dalle cuciture sul suo cosplay per sorridergli. «Magari Kurisu era solo molto agitata.»
«Improbabile. Non ha saputo neppure spiegarmi la base della teoria della relatività.»
«Che razza di argomento sarebbe per una cena romantica di San Valentino?» sbotta Daru. «E poi parla il grande scienziato che si era scordato come funziona una forchetta.»
«Qualcuno dell’organizzazione deve aver cosparso tutte le posate di una sostanza scivolosa che...»
«Kurisu si è molto divertita, però» interviene ancora Mayuri. «Mayushii gliel’ha chiesto proprio oggi.»
Daru vede distintamente le spalle di Okabe sciogliersi dalla tensione che le aveva caricate fino a quel momento.
«Dici sul serio?» le chiede quello, e finalmente Daru può tornare al proprio dating simulator. Col cavolo che ti aiuto ancora, pensa, scegliendo l’opzione più assurda nell’elenco di quelle proposte dal videogioco.
Li sente parlare, ma non li ascolta; è troppo preso dal suo tentativo di seduzione virtuale per curarsi di quello che si dicono. Forse è per quello che non sente Okabe uscire, né Mayuri avvicinarsi alle sue spalle; quando si rivolge a lui, la sua voce lo coglie del tutto di sorpresa.
«Anche Mayushii si è molto divertita» la sente dire, e ne è così sorpreso che non riesce neppure a staccare gli occhi dallo schermo del computer. «Grazie mille, Daru.»
Non ricorda molto di quel che succede dopo, se non che da lì in poi non indovina neppure una risposta e l’affascinante kohai fatta di pixel gli viene soffiata dalla punta di diamante della squadra di basket della scuola.
D’improvviso pensa sia una fortuna quella di averle lasciato il nome preimpostato invece di cambiato con Mayuri come fa di solito, perché s’immagina che quello sia l’equivalente virtuale di un calice di vino rovesciato.
Si stiracchia sulla sedia, poi sospira e fissa ancora la ragazza di pixel. «Proprio una bella fortuna» si dice.
killuale
Feb. 24th, 2016 08:23 am (UTC)

Perché leggo solo ora questa bellissima fic??? Okarin!!! ♥ La mia coppia perfetta che tra poco muore per un appuntamento, ahahah.
E i dolci Mayuri e Daru??? Mi hai aperto un mondo! *-*
Ora me ne torno nel mio angolino.
Buona giornata Ku!

kuruccha
Feb. 24th, 2016 09:00 am (UTC)
SEI TROPPO CARINA, AAAAH <3
Grazie infinite, sono davvero felice che ti sia piaciuta! :D In realtà non ho mai seriamente pensato a Daru e Mayuri insieme, ma lì mi ha portata lo sviluppo della storia, e perciò ho seguito la corrente. :)
Rimane il fatto che io con Okabe e Kurisu non ce la posso fare mai, mi sciolgo come un cioccolatino al sole, tanto per rimanere in argomento XD
Grazie mille per questo commento appassionato <3 E buona giornata anche a te! :D
( 10 comments — Leave a comment )

Profile

[Honey&amp;Clover] Yamada Sunny
kuruccha
kuruccha

This Month

December 2016
S M T W T F S
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Powered by LiveJournal.com
Designed by Taichi Kaminogoya